0

Troppo stress e insoddisfazione? Arriva la “Wow Therapy”

0
0


Italiani sempre più stressati. Secondo una recente ricerca condotta dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, 4 italiani su 10 si sentono sempre più sotto pressione. Come poter uscire dal circolo vizioso dello stress e del cattivo umore? Una soluzione è quella che gli esperti hanno chiamato “Wow Therapy”, ovvero la capacità di trarre piacere dai piccoli aspetti della vita quotidiana (e non solo): per uno studio pubblicato sulla rivista Emotion, infatti, le emozioni positive riducono il rischio di malattie croniche come il diabete e i disturbi cardiovascolari.

Nello specifico, quando si parla di “Wow Therapy” gli psicologi si riferiscono alla capacità di riuscire a trovare piacere negli aspetti positivi della vita, senza rimuginare invece su quelli negativi. Si tratta quindi di una serie di consigli che servono ad incentivare lo sviluppo delle emozioni positive. Martin Seligman, lo psicologo statunitense che ha dato vita a questa pratica, consiglia di svolgere attività gratificanti in modo da far alzare l’asticella di partenza per la felicità che ognuno di noi possiede e che si differenzia per vari motivi da soggetto a soggetto.

 

 

Le regole della “Wow Therapy” per la salute della mente e del corpo

 

 

La “Wow Therapy” si compone di una serie di regole, o meglio consigli, che servono in realtà a fare solo da filo conduttore alle proprie emozioni. Regola numero uno essere realistici: nella vita è importante porsi degli obiettivi che possono essere raggiunti. In sostanza è inutile sognare di fare il giro del mondo in barca a vela se non si ha la possibilità, in questo modo si finisce solo con il non apprezzare le cose belle che ci circondano.

Numero due, è importante guardare sempre il bicchiere mezzo pieno. È un po’ come il gioco di Pollyanna, ovvero quello di riuscire a trovare in qualsiasi situazione anche la più spiacevole qualcosa di positivo.

Il piacere della routine è il consiglio numero tre: occorre fare attenzione anche alle sensazioni piacevoli che ci lasciano i gesti quotidiani che svolgiamo. Un esempio? Per gli amanti, anche il profumo del caffè al mattino può essere positivo.

Quarto, l’allenamento emotivo: ovvero imparare a distinguere situazioni vissute ed emozioni provate, in questo modo si potrà scoprire la varietà dei sentimenti che si possono provare, dallo stupore alla tenerezza.

Fare spazio alle novità: nella vita è importante dare spazio a cose nuove che rompano in parte la routine, in questo modo si imparerebbe la capacità di stupirsi ancora anche delle piccole cose.

Ma soprattutto è importante imparare a pensare positivo: una predisposizione mentale di questo tipo aiuterebbe a godere dei momenti di felicità e una serie di ricerche hanno dimostrato quanto pensare positivo aiuti anche la salute del corpo, per esempio la riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiache nel corso degli anni.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *