0

Unicef, nel 2017 bambini usati come scudo umano

0
0


E’ un bilancio che non lascia speranza quello diffuso dall’Unicef. Si stima che nel 2017 in tutto il mondo investito da zone di conflitto, i bambini siano stati il bersaglio della maggior parte degli attacchi. Ciò che evidenzia il rapporto, molto dettagliato, è la violazione delle leggi internazionali che dovrebbero tutelare i più vulnerabili.

 

 

Infanzia ‘bersaglio’, il triste rapporto Unicef

 

 

 

L’Afghanistan terreno ‘nero’ nel 2017. Solo nell’ultimo anno sono stati uccisi circa 700 bambini in appena nove mesi, mentre nel nord est della Nigeria e in Camerun, a Boko Haram, almeno 135 bambini sono diventate ‘bombe’ suicide, non certamente per proprio volere.

La stima cresce fino a cinque volte rispetto al 2016. In Iraq e in Siria, i bambini sono stati usati come scudi umani: intrappolati sotto assedio, hanno visto convogliare sui propri corpicini i colpi dei cecchini, sono stati i primi a morire nei bombardamenti ed hanno assistito e subito violenze in Myanmar.

Costretti a lasciare le loro case, i più piccoli sopportano le tensioni belliche tra le forze armate e i gruppi avversi. Solo in Yemen, dopo circa 1000 giorni di combattimenti, 5000 bambini sono morti o sono stati feriti.

Resta eclatante il fatto che oltre 11 milioni di bimbi necessitino di assistenza umanitaria. I problemi conseguenti la guerra sono la malnutrizione e le patologie da essa scatenata, oltre al disagio psico-fisco. Scuole, ospedali e infrastrutture civili hanno il dovere di fare da tramite per il rispetto degli obblighi del diritto internazionale.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *