0

Violenza sulle donne: da inizio anno 26mila chiamate al 1522

0
0


Sono stati diffusi i dati sul 1522, il numero gratuito attivato dal Ministero delle Pari Opportunità contro la violenza sulle donne. Intanto la Rai, in vista del 25 Novembre, presenta i due nuovi spot sul tema nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione.

 

 

Donne coraggio e un’app per il 1522

 

 

Qualche giorno fa a Roma sono stati presentati i dati sul 1522, numero governativo messo a disposizione per segnalare casi di violenze e stalking. Nei primi dieci mesi dell’anno sono state oltre 26mila le chiamate al Numero Verde, di queste l’84% sono arrivate da donne italiane che nel 70% dei casi hanno figli. Inoltre, delle 26.481 chiamate, per la precisione, oltre quattromila sono state fatte da donne vittime di violenza e 630 sono servite, invece, a segnalare casi di stalking. A riferirlo in conferenza stampa a Palazzo Ghigi Maria Elena Boschi, sottosegretaria con delega alle Pari Opportunità che per l’occasione, insieme a Lucia Annibali, ora consigliera alle Pari Opportunità, ha presentato anche i due nuovi spot della campagna di comunicazione che saranno trasmessi dalla Rai a partire da oggi. Spot in cui, ancora una volta, si promuoverà il 1522, ora gestito da Telefono Rosa, e che fanno parte delle numerose iniziative in vista del 25 Novembre.

“I due spot sono stati apprezzati per il taglio scelto, senza immagini di donne con segni di violenza, puntando invece sul coraggio e la denuncia” ha dichiarato la Boschi. “Nei due spot – commenta poi Lucia Annibali, nel 2013 sfigurata con l’acido dal fidanzato – abbiamo voluto evidenziare due messaggi. Il primo è rimarcare l’importanza del 1522; con il secondo abbiamo cercato di raccontare la storia di donne consapevoli di quello che stanno subendo e che trovano la forza e il coraggio di denunciare. Non soggetti fragili, piuttosto persone con grandi risorse e coraggio dentro.

A breve, infine, sarà lanciata anche l’app del 1522 che rientra nella campagna “Sblocca il coraggio”.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *