0

Violenza sulle donne: l’Istat denuncia circa settemila vittime

0
0

È stato arrestato dalla polizia il presunto stupratore della ragazza di 16 anni violentata due notti fa a Roma. Dati dal rapporto 'La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia' (65mm x 120mm)

È stato arrestato dalla polizia il presunto stupratore della ragazza di 16 anni violentata due notti fa a Roma. Dati dal rapporto 'La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia' (65mm x 120mm)

Settimana di violenza a danno delle donne. La notizia della catanese strangolata per gelosia e dissapori sulla gestione di un figlio di 4 anni, presente in casa al momento del delitto, cui si aggiunge l’episodio avvenuto nel bresciano, di una moglie accoltellata dal marito, poi schiantatosi in A4 contro un tir, macchia questa settimana di sangue rosa.

Come se non bastasse, a Pozzuoli una ragazza incinta di otto mesi è stata aggredita dal compagno che le ha dato fuoco dopo una lite. La bimba che portava in grembo è nata, mentre la neomamma, coperta da ustioni sul 40% del corpo, lotta per la sopravvivenza.

 

Femminicidio: i dati Istat a riguardo

 

Il femminicidio non diminuisce. Le campagne politiche e sociali a sostegno del tema risultano inefficienti. Nonostante la ‘Convenzione di Istanbul’ e i passi compiuti dalla legge italiana per contrastare violenza di genere e stalking, resta ancora lungo il percorso da compiere per arginare quella che oramai è una vera e propria piaga.

I dati Istat sono raccapriccianti: circa 7 milioni di donne hanno subito violenza, fisica o psicologica (una donna su 3 ha tra 16 e 60 anni) nella loro vita. A stento il 12% di esse ha avuto la forza di denunciare. Sono invece 3. 466.000 le vittime di stalking.

Gli atti intimidatori verbali e fisici soffertii dal gentil sesso avvengono spesso davanti agli occhi dei figli. Le mura domestiche sono la prigione dorata del popolo rosa. La prole risulta, conseguenzialmente, spettatrice inconsapevole di drammi che segneranno crescita e maturità affettiva di molti uomini e donne del futuro, che hanno visto come si maltratta una donna.

Per sopperire a tutto questo, resta operativo il Telefono Rosa, con il relativo sportello antiviolenza, contattabile attraverso il 1522.

Centri Antiviolenza, sparsi su tutto il territorio nazionale, lottano per attuare una profonda rivoluzione culturale e sociale nelle vittime di violenza di genere e nelle generazioni future.

Anche la moda, lo spettacolo e l’arte si sono schierati a favore delle donne, cercando di prevenire la violenza nei loro riguardi. Tali iniziative devono essere condivise e divulgate, perchè una donna, fuori e dentro casa, ha il diritto di sentirsi al sicuro e rispettata.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *