Metodologie e benefici dello smaltimento dei rifiuti metallici

Il metallo è probabilmente il materiale che più ha influenzato la storia dell’essere umano.

La scoperta dell’uso della metallurgia per fabbricare utensili fu sicuramente la svolta più significativa della nostra evoluzione.

Ma quali sono, oggigiorno, le problematiche e le soluzioni dal punto di vista economico e ambientale per lo stoccaggio e il riciclaggio di metalli per le aziende?

Il metallo è un materiale molto importante, ha una vita molto lunga, si può riciclare diverse volte senza che perda le sue caratteristiche fondamentali.

Per dirla meglio, potenzialmente si potrebbe riutilizzare all’infinito, della produzione storica di metallo sino ad oggi, solo il 25% è andato perduto mentre il 75% è ancora al lavoro.

Lo smaltimento ecocompatibile di rifiuti metallici per le piccole e medie attività industriali, o per lavori di demolizione, è fondamentale per ridurre ancora di più le attività estrattive preservando le risorse naturali.

Oltre all’aspetto ambientale, e per incentivarlo, lo smaltimento di metalli è una opportunità di risparmio economico per le aziende.

Vediamo, ora, qual’è il processo di riciclaggio dei metalli passo per passo.

La fase di raccolta e stoccaggio dei rifiuti metallici

La prima fase del processo di smaltimento, è la raccolta dei rifiuti metallici, che devono essere stoccati in appositi container.

Diverse aziende, come nevolarottami.it, mettono a disposizione in comodato d’uso appositi cassoni per la raccolta e lo stoccaggio dei rifiuti.

Ne esistono di svariate dimensioni, a seconda delle esigenze aziendali, e di diversi materiali, i più comuni sono

        • containers sovrapponibili,
        • containers in plastica
        • containers in ferro,
        • cassoni con coperchio,
        • cassoni aperti.

Alcuni di questo containers hanno un’apposita vasca per raccogliere le eventuali acque o liquidi residui.

Il corretto stoccato dei materiali è fondamentale per portare a termine con successo il riciclo, e garantirne la qualità.

Come vengono selezionati i rifiuti metallici

Come potrete facilmente intuire, la selezione riguarda la scelta tra i rifiuti che possono essere riciclati e quelli che non sono riciclabili.

Al contrario di quello che avviene con plastica, carta, ed altri rifiuti domestici, per il metallo è necessario che la selezione venga eseguita da una persona esperta.

Il tecnico incaricato si reca presso l’azienda o il cantiere e sceglie i metalli con precisi criteri di qualità e caratteristiche tecniche, in modo da garantirne il riciclo.

Le due pile prenderanno, ora, due strade diverse.

Compressione e inizio della fase di riciclo del metallo

Il metallo da riciclare volumetricamente ridotto verrà ora rimosso dal luogo di stoccaggio, ed avrà inizio la fase di riciclo vera e propria.

Per facilitare le operazioni di fusione, ed utilizzare meno energia possibile, i rifiuti vengono ridotti a piccole strisce metalliche.

A seconda del tipo di metallo, le strisce metalliche ottenute verranno inserite nella specifica fornace.

Esistono, infatti, diversi tipi di forni metallurgici a seconda del tipo di metallo da fondere, rame, alluminio, ferro, ghisa, titanio, etc.

A questo punto, dopo una fase di riposo, si passa alla pulizia dei metalli con l’elettrolisi, un procedimento che utilizza l’elettricità per separare la parte impura del metallo, che andranno a creare dei fanghi anodici.

Forse non sapete che la parte impura del rame è ricca di oro e argento.

Infine, il metallo si raffredda in appositi stampi a seconda del successivo uso che se ne vorrà fare e torna allo stato solido, pronti ad un nuovo ciclo di vita.

Cosa si ottiene dai metalli riciclati

A seconda del tipo di rifiuto metallico riciclato, variano gli usi.

Pensate che bastano solo 800 lattine per fare una bicicletta e 130 per un monopattino.

Anche la nostra amata moka è fatta di metallo riciclato.

Ma i metalli riciclati vengono utilizzati quotidianamente anche da industrie più importanti, la quasi totalità dei cerchioni per automobili è costituita da alluminio riciclato.

Lo stesso avviene per altri mezzi di trasporto come bus, aerei, navi e persino per componenti aerospaziali.

Anche i nostri apparecchi tecnologici, telefoni e computer, contengono una grande parte di metalli preziosi che possono essere riutilizzati per costruirne di nuovi, tra questi oro, rame, ferro, cobalto e litio.

Quali sono i vantaggi dello smaltimento dei rifiuti metallici

Come citato in precedenza, riciclare i metalli contribuisce significativamente alla riduzione delle emissioni di gas serra, principali responsabili dell’inquinamento e del riscaldamento globale.

In particolare, secondo i dati CiAl, il Consorzio Nazionale degli Imballaggi di Alluminio, il solo riciclo dell’alluminio ha contribuito ad un risparmio espresso in petrolio di 164mila tonnellate.

Riciclare i rifiuti metalli è dunque una delle migliori soluzioni per aiutare il nostro pianeta a conservare le sue risorse naturali per le generazioni future.